Giovedì 05 Marzo 2009 01:00
Stampa PDF
Fresca di stampa la nostra indagine sulla Governance del controllore "controllato".

Nel dicembre 2005 l’allora ministro dell’economia Giulio Tremonti promosse la legge 262, conosciuta ai più come “Legge sulla tutela del risparmio”, nella quale, con l’art. 19, veniva disciplinato il trasferimento delle quote di Banca d’Italia possedute da soggetti diversi dallo Stato. Entro fine 2008, insomma, le banche private avrebbero dovuto cedere le proprie partecipazioni ed il capitale dell’istituto di vigilanza sarebbe dovuto tornare in mano pubblica.

La scadenza, ovviamente, non è stata rispettata e ad oggi l’antico conflitto d’interessi resta insoluto. I controllati – le banche – detengono ancora il capitale del loro controllore.

Sul rinvio pesa un tema fondamentale, sul quale con la nostra indagine (qui l'indice) abbiamo cercato di fare un po’ di luce: quanto vale Bankitalia?

La stampa finanziaria racconta che la vendita delle quote di Banca d’Italia frutterebbe alle banche una cifra indefinita, per alcuni 4 miliardi di euro, per altri 20 e per taluni proprio nulla, perché il patrimonio dell’Istituto è “frutto del signoraggio passato ed appartiene ai cittadini, certamente non alle banche”. Ma una cifra definita da qualche parte si dovrà trovare: stiamo pur sempre parlando di banche, di società quotate.

Per scoprirlo abbiamo dato così la parola ai bilanci delle 64 SpA proprietarie delle 300.000 quote di Banca d’Italia. Tra di esse, solo due sono soggetti pubblici (INPS e INAIL), mentre tutti gli altri sono banche private, eccezion fatta per la tedesca Allianz, la francese BNL e le italiane Generali, Milano Assicurazioni, Reale Mutua e Fondiaria-Sai.

Laddove non v’è spazio per l’interpretazione arbitraria ed incerta, pensavamo di poter trovare un valore equo e comune.

Tutt'altro. L’anomalia della governance di Banca d’Italia si riflette inevitabilmente sui bilanci, nei quali appare fin troppo chiaro che non v’è certezza sul valore reale delle partecipazioni e sulla modalità di definizione del medesimo.  

Alcune Società valutano la partecipazione nell’Istituto di Vigilanza al costo, altre al fair value ed altre ancora evitano di stabilire una cifra per mancanza degli elementi necessari ad una corretta determinazione del prezzo.

Tali stime “arbitrarie” si traducono in pesanti discrasie.

Un esempio: il gruppo Intesa Sanpaolo, azionista numero uno di Banca d’Italia con il 40% del capitale – 30,3% in proprio, il resto tramite le controllate – attribuisce alla propria quota un valore di oltre 550 milioni di Euro, ovvero circa 4.300€ per ogni quota posseduta. Unicredit, al secondo posto con il 22% circa del capitale, valuta la partecipazione circa 63 milioni di Euro, nemmeno mille euro a quota. Chi ha ragione?

Scorrendo la nostra analisi emergono esempi ancor più eclatanti. Come Banca Monte dei Paschi di Siena, che valuta ognuna delle sue 13.800 quote di Banca d’Italia una cifra superiore ai 45.000 Euro. O Banca Caripe, che per appena 8 quote (per partecipare all’assemblea degli azionisti ne servono 100), ha scritto in bilancio una partecipazione di 1,7 milioni di Euro!

La conclusione è un amaro auspicio: prudenza. In tempi di crisi, alle banche nostrane mancherebbe ancora la minusvalenza “Banca d’Italia”. Come al solito, ne farebbero le spese gli azionisti.

Per richiedere una copia del nostro studio, clicca qui.

 .........................................................................................................................................

Partecipanti al capitale di BANCA D'ITALIA  (tutte SpA, dati al 19 dicembre 2008)  
   N° quote
Intesa Sanpaolo 91035
Unicredit 66342
Assicurazioni Generali 19000
Cassa di Risparmio in Bologna 18602
INPS 15000
Banca Carige - Cassa di Risparmio di Genova e Imperia 11869
Banca Nazionale del Lavoro 8500
Banca Monte dei Paschi di Siena 7500
Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli 6300
Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza 6094
Cassa di Risparmio di Firenze 5656
Fondiaria - SAI 4000
Allianz 4000
Cassa di Risparmio di Lucca Pisa Livorno 3668
Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo 3610
Cassa di Risparmio di Asti 2800
Cassa di Risparmio di Venezia 2626
Banca delle Marche 2459
INAIL 2000
Milano Assicurazioni 2000
Friulcassa - Cassa di Risparmio Regionale 1869
Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia 1126
Cassa di Risparmio di Ferrara 949
Cassa di Risparmio di Alesssandria 873
Cassa di Risparmio di Ravenna 769
Banca Regionale Europea 759
Cassa di Risparmio di Fossano 750
Cassa di Risparmio di Prato 687
Unibanca 675
Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno 653
Cassa di Risarmio di S. Miniato 652
Cassa dei Risparmi di Forlì e della Romagna 605
Banca Carime 500
Società Reale Mutua Assicurazioni 500
Cassa di Risparmio di Fabriano e Cupramontana 480
Cassa di Risparmio di Terni e Narni 463
Cassa di Risparmio di Rimini -  CARIM 393
Cassa di Risparmio di Bolzano 377
Cassa di Risparmio di Bra 329
Cassa di Risparmio di Foligno 315
Cassa di Risparmio di Cento 311
CARISPAQ - Cassa di Risparmio della Provincia dell'Aquila 300
Cassa di Risparmio della Spezia 266
Cassa di Risparmio della Provincia di Viterbo 251
Cassa di Risparmio di Orvieto 237
Cassa di Risparmio di Città di Castello 228
Banca Cassa di Risparmio di Savigliano 200
Cassa di Risparmio di Volterra 194
Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti 151
Banca CRV Cassa di Risparmio di Vignola 130
Cassa di Risparmio di Fermo 130
Cassa di Risparmio di Savona 123
TERCAS - Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo 115
Cassa di Risparmio di Civitavecchia 111
CARIFANO - Cassa di Risparmio di Fano 101
Cassa di Risparmio di Carrara 101
CARILO - Cassa di Risparmio di Loreto 100
Cassa di Risparmio di Spoleto 100
Cassa di Risparmio della Repubblica di S. Marino 36
Banca CARIPE 8
Banca Monte Parma 8
Cassa di Risparmio di Rieti 8
Cassa di Risparrmio di Saluzzo 4
Banca del Monte di Lucca 2
Totale 300.000

Filo diretto

Leggi tutti i Comunicati societari

Newsletter

Resta in contatto con Spaitalia.it, iscriviti alla newsletter!


Scripofilia

Le prossime assemblee

No current events.

Iscriviti al gruppo Facebook!

Notizie in diretta