Lunedì 16 Gennaio 2012 21:48
Stampa PDF

Le anticipazioni dei giornali corrispondono al vero. I due consiglieri di maggioranza si sono dimessi per pesanti divergenze con il resto del management. I documenti in esclusiva su Spaitalia.

 

Dante REPOSO, azionista di maggioranza della controversa UNIONE ALBERGHI ITALIANI (tramite RE-AL-GEST possiede il 31,164% del capitale), ha gettato la spugna: troppo pesanti le divergenze con il resto del management.

A far traboccare il vaso della discordia, le decisioni prese (o non prese?) durante l'ultimo consiglio di amministrazione.

"Rilevo" - si legge nella la lettera di dimissioni in nostro possesso  - "con riferimento al verbale del precedente consiglio di amministrazione, come la sua stesura non rispetti e quindi non corrisponda a quanto effettivamente avvenuto in quella sede. Mi riferisco, in particolare, alla deliberazione di cui al punto 5 O.d.G., che non risulta essere stata approvata nei termini ivi indicati, nonchè alle asserite dichiarazioni che mi sono state attribuite circa la presunta disponibilità di Banca d'Alba a rifinanziare il mutuo in essere (pag. 5 del verbale) che non ho esposto in quei termini. Circostanze tutte qui contestate". Lettera dimissioni Dante Reposo - Unione Alberghi Italiani

Motivo dello scontro, dunque, è stata l'operazione di investimento nella neoquotata (anche lei sull'AIM) ABROMOBILIARE SPA, controllata dal collega consigliere Alberto FRANCESCHINI, azionista UAI con l'1,5% del capitale. Assieme al finanziamento ad Abromobiliare, a scatenare la battaglia è stata la divergenza sul finanziamento disposto da Banca d'Alba all'Hotel Marengo di Alessandria, societa' poi conferita a Unione Alberghi Italiani.

Operazioni contestate, alla base anche delle dimissioni dell'altro consigliere di maggioranza, il dott. Sergio SACCHI, il quale nella sua lettera di dimissioni affonda il colpo. "Ritengo sia venuto meno il rapporto di fiducia che dovrebbe caratterizzare il mio mandato anche in relazione alla mancata risposta sulle questioni da me sollevate in occasione dell’ultima riunione consigliare, specie quanto ai presupposti di continuità aziendale, rilevando, peraltro, che la verbalizzazione non corrisponde, in alcuni punti, ai relativi lavori".

"A prescindere da ulteriori questioni sulle quali mi riservo ogni più ampia e opportuna valutazione, rilevo, a titolo esemplificativo, come l’operazione riportata al punto 5 dell’O.d.G. del verbale, avente ad oggetto l’impiego temporaneo della liquidità aziendale per l’operazione di investimento in Ambromobiliare S.p.A. non sia stata da me approvata e comunque non mi risulta essere stata esposta nei termini ivi riportati".

 

Si attendeva per oggi pomeriggio una nota ufficiale della società. eppure, nonostante la gravità della questione, al momento UAI non ha diffuso alcun comunicato in merito. L'ennesimo colpo basso per gli investitori di questa strana iniziativa imprenditoriale.

Sullo stesso argomento...

Filo diretto

Leggi tutti i Comunicati societari

Newsletter

Resta in contatto con Spaitalia.it, iscriviti alla newsletter!


Scripofilia

Le prossime assemblee

No current events.

Iscriviti al gruppo Facebook!

Notizie in diretta